DevOps

Il termine DevOps nasce dalla contrazione delle parole development (sviluppo) e operations (esercizio/attività) per descrivere un insieme di principi, metodologie e strumenti che ha rivoluzionato il modo in cui aziende e organizzazioni sviluppano e gestiscono applicazioni e servizi informatici.

Le idee chiave della filosofia DevOps possono riassumersi in cinque punti.

  • Niente più silos - L’estremo isolamento della conoscenza dovuto a una rigida organizzazione verticale e alla mancanza di collaborazione sono spesso la causa di seri problemi organizzativi e funzionali all’interno del settore IT.
  • Gli incidenti fanno parte della quotidianità - Accettare questa realtà consente alle persone di evitare di nascondere i propri errori e le incentiva piuttosto ad attivarsi per risolverli e per risolvere gli incidenti occorsi.
  • I cambiamenti devono essere graduali - E’ importante che i cambiamenti nel software e nelle infrastrutture siano frequenti e graduali in modo che comportino un basso rischio. Le persone in questo modo possono allenarsi al cambiamento continuo.
  • Misurare è fondamentale - Per comprendere ciò che accade è di cruciale importanza affidarsi a misurazioni oggettive, che consentano di verificare i cambiamenti apportati e soprattutto di creare una base condivisa per l’analisi della situazione.
  • Gli strumenti non bastano se manca una cultura organizzativa - L’attenzione verso gli strumenti di lavoro ed in particolare quelli di change management è una componente importante del movimento DevOps ma la chiave del successo va ricercata piuttosto nella capacità di adottare un nuovo modo di lavorare: una buona cultura organizzativa consente di aggirare la mancanza di strumenti, ma difficilmente può valere il contrario.