Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy Policy

usBIM.platform

  • Tipologia: SaaS
  • ID Scheda: SA-1082
  • Stato corrente: QUALIFICATA
  • Azienda fornitrice: ACCA software S.p.A.
  • Referente commerciale: Non fornito
  • Data di qualificazione: 29-05-2020 12:29

Descrizione generale del servizio

usBIM.platform è una piattaforma collaborativa digitale BIM conforme ai requisiti espressi dalle Normative UNI 11337:2017, per la regolarizzazione dei processi BIM e della famiglia ISO 19650. L’ambiente di Condivisione Dati (ACDat/CDE) è personalizzabile in base agli schemi organizzativi previsti dalle documentazioni delle gare d’appalto ed ha specifiche funzioni per la gestione e lo scambio documentale che garantiscono il corretto avanzamento del progetto. Il servizio consente di associare e gestire le informazioni al modello digitale dell'opera, in modo che quest'ultimo rappresenti la georeferenziazione delle informazioni presenti nell'ACDat. usBIM.platform è un servizio SaaS certificato da BuildingSMART International per la gestione del formato openBIM IFC.

Caratteristiche funzionali del servizio

  • Autenticazione: l’accesso alla piattaforma è regolato da un meccanismo di autenticazione basato sull’utilizzo di username e password
  • ACDat: l’Ambiente di Condivisione Dati è personalizzabile e permette la strutturazione dell’ambiente di lavoro, la gestione documentale e la gestione automatica della versione dei file (versionamento dei documenti).
  • Profilazione utenti: la profilazione delle utenze consente di gestire l’ambiente di lavoro assegnando ruoli, responsabilità e i relativi permessi di accesso alle cartelle di lavoro, ai contenuti e alle funzionalità della piattaforma. Ogni utente può essere associato a diversi Gruppi e ad una specifica Compagnia. A loro volta, i Gruppi e le Compagnie sono definibili e modificabili all’interno della piattaforma
  • Logging e Auditing: il sistema traccia le operazioni effettuate su differenti livelli (eventi di sistema, di abbonamento, di processo e dei singoli documenti), garantendo la successione storica delle revisioni e delle modifiche apportate ai dati condivisi.
  • Workflow Management e GATE: questa funzionalità permette la creazione e la razionalizzazione di processi e procedure, facilitando, ad esempio, il controllo e la messa a disposizione delle versioni più aggiornate della documentazione. E’ possibile costruire dei GATE per la definizione e l’attuazione di procedure di revisione/validazione della documentazione progettuale, in accordo a quanto specificato dalle Normative UNI 11337:2017 e ISO 19650, come ad esempio nelle fasi di condivisione o consegna dei modelli e degli elaborati.
  • #TagBIM: la funzionalità permette di aggiungere metadati, ossia etichettare documenti, modelli e oggetti contenuti nei modelli IFC con stringhe alfanumeriche strutturate in #Tag. Con l’uso delle stringhe #TagBIM è possibile aggiungere DATI a documenti, modelli e oggetti per trasformare l’ACDat, da mero contenitore di file, in una BASE DATI strutturata. I #TagBIM abilitano quindi funzioni di ricerca avanzate delle informazioni, dei file e degli oggetti dei modelli n usBIM.platform e nei servizi correlati
  • Integrazione con servizi on-line: la piattaforma usBIM.platform si integra con il servizio on-line usBIM.browser, il servizio cloud di ACCA software per la visualizzazione, navigazione e gestione delle informazioni dei documenti che risiedono all’interno dell’ACDat. usBIM.browser rappresenta il servizio che consente di costruire il digital twin dell’opera, consistente del modello digitale e di tutte le informazioni che vengono ad esso collegato e che vengono raccolte durante le varie fasi del ciclo di vita dell’opera
  • Integrazione con la piattaforma per la DIREZIONE LAVORI: l’integrazione tra usBIM.platform e PriMus-PLATFORM (non compreso in usBIM.platform) consente di accedere ai documenti prodotti nella fase di Direzione Lavori direttamente da usBIM.platform e, tramite il servizio on-line usBIM.browser, di collegare le relative foto e osservazioni/allegati agli oggetti dei modelli IFC dell’ACDat. Questa funzione permette di arricchire i modelli dell’ACDat di tutte le informazioni provenienti direttamente dal cantiere in fase di esecuzione
  • Notifiche: gli utenti ricevono via e-mail le notifiche relative agli eventi che si verificano all’interno della piattaforma (gestione documentale, workflow, ecc.).
  • Creazione di nuovi documenti direttamente on-line: usBIM.platform espone una serie di servizi per la creazione e la gestione di documenti direttamente on-line, quali ad esempio: - documenti BCF (BIM Collaboration Format) per supportare lo scambio di osservazioni incentrate su un modello IFC. – documenti testuali – documenti della suite OFFICE (ora Microsoft 365) – mappe GIS

Benefici offerti dal servizio

  • Unico ambiente di condivisione dati per gestire tutto il ciclo di vita dell’opera, a partire dalla fase di progettazione fino alla costruzione e alla successiva gestione.
  • Servizio SaaS per creare e gestire modelli BIM, favorire la condivisione dei dati e il collaborative working
  • L’utilizzo di un servizio SaaS garantisce il costante aggiornamento ed evita i fenomeni di lock-in tecnologico
  • Trasparenza informativa in tema di proprietà dei dati, azioni compiute su di essi e disponibilità temporale delle informazioni
  • Riduzione della ridondanza di dati con la conseguente riduzione dei rischi legati alla loro duplicazione

Piattaforma Cloud attraverso la quale è erogato il servizio

Amazon AWS

Cloud Deployment Model

Public Cloud

Infrastruttura Cloud su cui è basato il servizio

  • Infrastruttura di un fornitore terzo qualificato come CSP
  • AMAZON WEB SERVICES EMEA SARL

Sono richiesti prerequisiti?

I prerequisiti riguardano altri servizi Cloud?

No

Eventuali altri prerequisiti

  • Connessione internet

Esistono dipendenze?

No

Eventuali standard e certificazioni

usBIM.platform ad oggi è l'unica piattaforma collaborativa BIM certificata da BuildingSMART International per la gestione del formato openBIM IFC (Industry Foundation Classes).

Canali disponibili per il supporto tecnico

  • E-mail: Disponibile
  • Ore supporto: 24
  • Telefono: Disponibile
  • Ore supporto: 8
  • Sistema di on-line ticketing: Disponibile
  • Ore supporto: 24
  • Web chat: Non Disponibile
  • Assistenza on-site: Non Disponibile
  • Assistenza remota: Disponibile
  • Ore supporto: 8
  • Eventuale altro canale (specificare): Non disponibile

Tempi di attivazione e disattivazione del servizio

  • Tempo di attivazione: Immediato (da concordare con il Cliente)
  • Tempo di disattivazione: Immediato (da concordare con il Cliente)

Modalità e processo di attivazione

Il processo di attivazione è immediato e può decorrere dalla sottoscrizione contrattuale o a seguito di accordi specifici con il Cliente e consiste nell’attivazione del servizio e nella trasmissione delle credenziali di primo accesso che possono essere liberamente cambiate dal Cliente.

Modalità e processo di disattivazione

Il processo di disattivazione dei servizi usBIM.platform si attiva automaticamente una volta decorsi 30gg dal termine contrattuale.

Estrazione dei dati a seguito di disattivazione

Il processo di reversibilità prevede che alla data di cessazione del contratto stipulato con il Cliente, lo stesso invii una prima richiesta formale tramite PEC all’indirizzo acca@pec.it indicando il seguente oggetto nella e-mail: “Richiesta di estrazione dati a seguito della cessazione del contratto usBIM.platform”. La PEC ricevuta viene quindi inoltrata al reparto di Assistenza che provvede a fornire le corrette istruzioni per l’estrazione dei dati contenuti nei sistemi informativi dei servizi SaaS in utilizzo. I dati del Cliente vengono quindi messi a disposizione direttamente sulla piattaforma usBIM.platform e mantenuti al suo interno per il tempo strettamente necessario alla riconsegna al Cliente. L’estrazione dei dati è disponibile per lo scaricamento entro 60gg dalla data di richiesta inviata dal Cliente.

Dati esportabili

  • Formato dei dati esportabili: I dati del Cliente vengono restituiti nel formato originale con cui è stata effettuata la procedura di upload. I dati del Cliente saranno esportati nel loro formato originale in una struttura di File System, mantenendo quindi tutte le cartelle e le relative sottocartelle.
  • Dati derivati (configurazioni, template, log, ecc.): Eventuali metadati aggiunti dal Cliente saranno esportati nei formati aperti JSON e/o XML.

Formati in cui è possibile estrarre i dati

I dati vengono restituiti al Cliente nel medesimo formato con il quale sono stati caricati all’interno dei servizi usBIM.platform.

Estrazione e formati di altri asset (in seguito a disattivazione)

Eventuali metadati aggiunti dal cliente mediante l’utilizzo dei servizi in oggetto vengono esportati nei formati aperti JSON e/o XML.

Indicare quali delle seguenti modalità di fruizione del servizio sono supportate

  • Web Browser
  • Altro (specificare) (Web browser da dispositivi mobile)

Specificare i browser supportati

  • Explorer (Date le funzionalità grafiche avanzate è consigliato l'utilizzo delle versioni più aggiornate)
  • Firefox (Date le funzionalità grafiche avanzate è consigliato l'utilizzo delle versioni più aggiornate)
  • Chrome (Date le funzionalità grafiche avanzate è consigliato l'utilizzo delle versioni più aggiornate)
  • Safari (Date le funzionalità grafiche avanzate è consigliato l'utilizzo delle versioni più aggiornate)

Documentazione tecnica

Per un corretto utilizzo di tutte le funzionalità dei servizi usBIM.platform viene fornita una manualistica suddivisa per le varie tipologie di utenze. Nello specifico sono a disposizione degli Utenti: - Manuale Utente Platform Admin e Delegati (Utenti Amministratori dell'abbonamento) - Manuale Utente BIM Manager (Utenti Amministratori di Progetto) - Manuale Utente Standard All'interno della stessa pagina è disponibile la documentazione relativa alla componente API. Vengono fornite le credenziali di test per l'accesso alla documentazione, sia per quanto riguarda la manualistica, sia per quanto riguarda la documentazione tecnica API: - username: wopi-test-1@acca.it - password: acca0000

Formati in cui è disponibile la documentazione tecnica (Selezionare una o più voci dall'elenco)

  • Disponibile e navigabile su Web (https://www.acca.it/usbimplatform-assistenza)
  • Disponibile in formato/i consultabile/i offline (PDF)

Elenco delle lingue in cui è disponibile la documentazione

  • Italiano

API di tipo REST/SOAP disponibili per il servizio

  • E' disponibile l'endpoint REST (https://api-platform.usbim.com/BimPlatformRest/api/1.0/)
  • Sono presenti meccanismi di autenticazione per le API (Sono presenti meccanismi di autenticazione per le API – JWT)
  • Viene fornita la documentazione delle API in formato Web (https://www.acca.it/usbimplatform-assistenza)
  • Viene fornita la documentazione delle API in altri formati (PDF)
  • E' presente un ambiente di test delle API (https://api-test-platform.usbim.com/BimPlatformRest/api/1.0/)

Funzionalità invocabili tramite API e funzionalità che non sono accessibili via API

- Login/Logout - Validità del Token di autenticazione - Restituzione un JSESSIONID valido per la piattaforma - Conferma del caricamento di un file - Restituzione delle informazioni di un determinato documento - Restituzione della lista dei progetti dell'utente autenticato - Creazione di un nuovo progetto - Restituzione delle informazioni di dettaglio di un determinato progetto - Restituzione delle informazioni sugli utenti di un determinato progetto - Aggiunta di uno o più utenti ad un determinato progetto - Restituzione dei permessi di un determinato utente per un dato documento o cartella specificando per ogni permesso se è ereditato. - Aggiunta dei permessi ad un dato documento/cartella - Rimozione dei permessi di un determinato utente su un dato documento/cartella - Restituzione delle informazioni sui ruoli creati in un determinato progetto - Creazione di un nuovo ruolo - Restituzione delle informazioni sui workflow creati in un determinato progetto - Creazione di un nuovo workflow - Restituzione della lista di tutte le cartelle e documenti presenti nella directory root di un determinato progetto - Restituzione delle informazioni di dettaglio di una determinata cartella - Restituzione della lista di tutte le cartelle e i documenti presenti in una determinata cartella - Creazione di una nuova cartella - Eliminazione di una cartella - Aggiornamento delle informazioni di una cartella - Spostamento della posizione di una cartella sopra o sotto all'interno della gerarchia - Restituzione delle informazioni di dettaglio di un determinato documento - Creazione di un nuovo documento - Download di un documento - Aggiornamento delle informazioni di un documento - Restituzione delle informazioni dettagliate riguardo le versioni di un determinato documento - Restituzione dei metadati di un determinato documento - Aggiunta di metadati ad un determinato documento - Spostamento di un documento in una nuova cartella - Copia di un documento in una nuova cartella - Eliminazione di un documento - Ripristinamento di un documento - Restituzione degli eventi relativi ad un determinato documento - Restituzione della lista degli utenti disponibili nell'abbonamento - Aggiunta di un nuovo utente all'abbonamento - Restituzione delle informazioni di un utente dato il suo id - Restituzione delle informazioni circa lo stato di integrità del servizio - Restituzione delle informazioni sullo stato dell'abbonamento - Impostare un documento nello stato di bozza - Restituzione della lista di tutti i documenti presenti nel cestino una cartella - Eliminazione di un documento dal cestino - Restituzione delle informazioni circa gli abbonamenti dove egli può operare - Consolidamento di un documento in bozza - Restituzione delle informazioni sullo stato del documento - Restituzione dei parametri necessari all'upload - Editing del profilo dell'utente corrente - Editing dei dati utente nell’ambito dell’abbonamento - Restituzione della lista di tutte le cartelle sulle quali è stato applicato almeno un permesso di visualizzazione - Restituzione della lista di tutti gli utenti che hanno dei permessi sulla cartella - Conferma del caricamento di un file in bozza - Restituzione della lista delle compagnie di un abbonamento - Restituzione della lista dei gruppi di un abbonamento - Completamento del processo di elaborazione nei servizi di visualizzazione - Interazione con i servizi di visualizzazione Le lista delle funzionalità invocabili tramite API viene continuamente revisionata ed arricchita nel corso del tempo.

Specificare le piattaforme abilitanti supportate dal servizio

  • Altro (specificare) (L’integrazione con la piattaforma SPID è nella roadmap di sviluppo del servizio e sarà disponibile nei prossimi mesi)

Elenco di procedure per garantire la reversibilità del servizio SaaS.

  • Disattivazione del servizio - su esplicita richiesta da parte del Cliente: estrazione dei dati e consegna al Cliente - cancellazione dei dati del Cliente dei servizi dopo la scadenza del tempo di salvaguardia

Scalabilità del servizio

  • E' prevista la scalabilità del servizio:
  • La scalabilità del servizio è di tipo automatico:

Modalità e condizioni previste per la scalabilità del servizio

L’architettura del servizio usBIM.platform prevede diversi layer funzionali che possiamo riassumere nei seguenti macroblocchi: - Applicazioni Frontend - Applicazioni Backend - Storage Dati (relazionali, non relazionali, statici) Le applicazioni Frontend sono ospitate su storage scalabile ed ad alta disponibilità. Per tali componenti infatti viene utilizzato il servizio S3 di AWS in configurazione “static website” e quindi la scalabilità del servizio è derivata dalle caratteristiche native di siffatto servizio progettato per garantire il 99.999999999 percento (11 nove) di durata per oggetto e disponibilità del 99,99 percento nell'arco di un anno periodo. Le applicazioni Backend invece sono suddivise per il tipo di ruolo svolto e sono implementate su componenti distinti; la maggior parte di questi sono realizzati tramite il servizio Fargate ECS (Elastic Container Service) che prevede l’adozione di container Docker e che supporta nativamente la funzionalità di scaling automatico, ovvero di aumentare o diminuire automaticamente il numero di nodi desiderati secondo i parametri di utilizzo medio della CPU e della memoria dell’intero servizio. La restante parte dei componenti invece prevede l’uso di istanze EC2 (Elastic Cloud Computing) per quali viene usato il servizio di autoscaling che permette di aumentare o diminuire automaticamente il numero di macchine in funzione del numero di job presenti in una coda che viene implementato tramite Redis.

Nel caso in cui sia prevista la scalabilità automatica del servizio SaaS, indicare le condizioni ed i tempi di attivazione delle risorse aggiuntive che vengono attivate per sopportare i maggiori carichi

Con riferimento all’autoscaling automatico del servizio ECS i tempi di attivazione delle risorse aggiuntive è la somma del tempo di startup del nodo e del tempo di messa in esercizio del nodo nel corrispondente servizio di Elastic Load Balancing (ELB). Mediamente i tempi attivazioni sono dell’ordine di 3-5 minuti. Con riferimento all’autoscaling automatico del servizio EC2 i tempi di attivazione delle risorse aggiuntive è la somma del tempo di startup delle istanze virtuali e del tempo di messa in esercizio del nodo nel corrispondente servizio di Elastic Load Balancing (ELB). Trattandosi in questo caso di istanza con sistema operativo Windows i tempi attivazione sono superiori rispetto a quelli precedenti e sono dell’ordine di 5-10 minuti.

Livelli di servizio relativi alla scalabilità automatica

Nome indicatore Valore obiettivo Unità di misura
Indicatore 1 RedisCountAlarm , ModuleCurrentItems > 0 per 2 data point entro 2 minuti unità
Indicatore 2 CPUAlarmLow CPUUtilization < 15 per 3 data point entro 3 minuti unità
Indicatore 3 ECSContainerHost CurrentItem < 0 unità

Strumenti di monitoraggio delle risorse a consumo associate al servizio, dei costi e della qualità del servizio

La piattaforma usBIM.Platform utilizza come strumento di monitoraggio delle risorse in esercizio il servizio CloudWatch di AWS; per la gestione ed il monitoraggio dei costi invece può essere utilizzato il servizio CostExplorer che permette di estrarre i costi legati e di generare alert in corrispondenza del superamento di prefissate soglie. Il cliente potrà accedere con delle specifiche credenziali con le quali potrà avere accesso ai log del servizio CloudWatch ed ai report del CostExplorer Questi ultimi possono essere personalizzati; di default vengono resi disponibili i report mensili su base Service, su base Region, su base Instance Type.

Metriche e statistiche disponibili

All’interno della piattaforma è possibile usare come metriche e statistiche quella messe a disposizione dal servizio CloudWatch; tali informazioni sono classificabili per il tipo di servizio monitorato: in particolare individuiamo i seguenti servizi che sono soggetti alla raccolta dati: - Istanze EC2: cpu, memoria, traffico rete in, traffico rete out, operazioni di lettura dal disco, operazioni di scrittura sul disco; - Istanze ECS: cpu, memoria, traffico rete in, traffico rete out, operazioni di lettura dal disco, operazioni di scrittura sul disco: - Istanze RDS: cpu, memoria, operazioni di lettura dal disco, operazioni di scrittura sul disco.

Report disponibili

I report sull’utilizzo delle metriche di cui al punto precedente che vengono monitorate tramite il servizio CloudWatch sono consultabili da una dashboard presente nel corrispondente servizio del pannello di gestione AWS.

Livelli di servizio garantiti da dichiarare obbligatoriamente

  • Availability (in percentuale): 99,1% (incluso fermi del servizio dovuti a manutenzione ordinaria e straordinaria)
  • Maximum First Support Response Time (in minuti): 480 minuti

Eventuali altri livelli di servizio che il Fornitore intende dichiarare

Nome indicatore Valore obiettivo Unità di misura
Indicatore 1 Support hours Dal lunedì al venerdì nell’intervallo 9-18 ore
Indicatore 2 Backup Interval 24 ore
Indicatore 3 Retention period of backup data 7 giorni
Indicatore 4 Recovery Time Objective (RTO) 8 ore
Indicatore 5 Recovery Point Objective (RPO) 4 ore

Monitoraggio dello stato del servizio e notifiche

  • E' disponibile il monitoraggio in tempo reale dello stato del servizio?:
  • Sono disponibili delle notifiche via SMS/email per gli eventi di indisponibilità del servizio?:

Controllo dell'Acquirente sulla gestione dei dati

  • L'Acquirente ha la possibilità di scegliere la localizzazione dei siti in cui verranno memorizzati e processati i dati?:
  • L'Acquirente ha a disposizione procedure per la cancellazione permanente dei dati?:

Meccanismi di autenticazione degli utenti supportati

Il meccanismo di autenticazione degli utenti è strutturato su due livelli: uno strato secure.acca basato su nome utente e password più uno strato piattaforma che procede a verificare l'identità dell'utente e le sue autorizzazioni..

Possibilità di configurazione/customizzazione dei meccanismi di autenticazione

No

Disponibilità di autenticazione a 2 fattori

No

Politiche di accesso alle informazioni in audit

  • In tempo reale:
  • Differenziata tra utilizzatori e fornitore:
  • Tempo minimo di conservazione delle informazioni di audit: accessi ssh/rdp: 30 giorni - accessi console: 90 giorni - accessi applicativi: 7 giorni
  • Tempo massimo di conservazione delle informazioni di audit: accessi ssh/rdp: 30 giorni - accessi console: 90 giorni - accessi applicativi: 7 giorni
  • Tempo minimo di conservazione dei log di servizio: log applicativi: 15 giorni - log console: 90 giorni
  • Tempo massimo di conservazione dei log di servizio: log applicativi: 15 giorni - log console: 90 giorni

Elementi che concorrono alla determinazione del prezzo (parametri)

Nome parametro Unità di misura Quantità minima
Parametro 1 Utente utilizzatore utenza singola 10
Parametro 2 Spazio di archiviazione terabyte 1

Prezzo base del servizio

  • Prezzo base in euro (in euro): 4600
  • Eventuale costo di attivazione (in euro): non previsto

Esecuzione dei test OWASP

  • Le componenti che costituiscono il servizio SaaS sono state sottoposte ai test OWASP prima della loro immissione in produzione e successivamente su base periodica?:
  • Relativamente all'ultima esecuzione dei testi di cui alla "OWASP Testing Guide v.4" le componenti del servizio SaaS sono risultate esenti da vulnerabilità:

Tempistiche per la presa in carico e gestione delle segnalazioni

Il tempo di presa in carico delle segnalazioni è funzione della criticità della stessa secondo i criteri di seguito riportati: i) Anomalie di Criticità 1: guasti/anomalie che provocano la perdita totale del servizio. Le segnalazioni di questo tipo vengono prese in carico entro 1 giorno lavorativo. ii) Anomalie di Criticità 2: guasti/anomalie che provocano la perdita parziale del servizio. Le segnalazioni di questo tipo vengono prese in carico entro 2 giorni lavorativi. iii) Anomalie di Criticità 3: guasti/anomalie che provocano un limitato degrado del servizio. Per questo tipo di segnalazioni sono previste azioni pianificabili nel tempo e rimandabili in orari non critici di erogazione del servizio.

Localizzazione dei data center

Localizzazione (anche parziale) all'interno del territorio dell'Unione Europea