Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy Policy

Servizio di conservazione

  • Tipologia: SaaS
  • ID Scheda: SA-793
  • Stato corrente: QUALIFICATA
  • Azienda fornitrice: Istituto per i beni artistici culturali e naturali
  • Referente commerciale: Carla Tomassetti - carla.tomassetti@regione.emilia-romagna.it
  • Data di qualificazione: 03-03-2020 11:28

Descrizione generale del servizio

Parer fornisce il servizio di conservazione accreditato presso AgID secondo tre modalità: - servizio di conservazione per Enti produttori, in cui ParER ha la responsabilità del servizio di conservazione dei documenti e delle aggreazioni informatiche degli Enti, con o senza suppoerto alla gestione. - messa a disposizone del sistema di conservazione per altri Conservatori accreditati , che svolgono le funzioni di ParER descritte al primo punto a favore di altri Enti, o per altri Enti, che svolgono le funzioni di conservazione solo per se stessi. ParER svolge funzioni di amministrazione di sistema e di supporto tecnico.

Caratteristiche funzionali del servizio

  • versamento da parte dei Produttori di documenti informatici e aggregazioni documentali informatiche (SIP) tramite versamenti manuali o automatici, sincroni o asincroni;
  • monitoraggio dei versamenti;
  • generazione e manutenzione degli AIP;
  • ricerca e restituzione dei documenti (DIP);
  • scarto archivistico;
  • restituzione dell'archivio garantendo l'interoperabilità tra conservatori;
  • registrazione e interrogazione dei log degli eventi significativi;
  • profilazione e autenticazione di utenti;
  • configurazione del sistema a partire dalle buone pratiche archivistiche per la costruzione dell'archivio di deposito digitale.

Benefici offerti dal servizio

  • mantenere i propri archivi nel lungo periodo con adeguati livelli di sicurezza (ad esempio, rispetto alla perdita di dati oppure al furto);
  • non doversi dotare di un'infrastruttura propria e di un sistema complesso;
  • non doversi dotare di competenze specifiche;
  • poter fruire delle buone pratiche sviluppate da ParER sull'utilizzo del sistema di conservazione per la costruzione dell'archivio di deposito.

Piattaforma Cloud attraverso la quale è erogato il servizio

Object Storage (NetApp) con interfacce S3; Data base (Oracle) con primitive standard SQL; Sistema di gestione dello storage su cassetta (TMS) fornito da IBM; Application Server JBoss (open source); Servlet container Tomcat (open source) per i componenti che non richiedono l’utilizzo di un application server; Open Shift (open source) come orchestratore dei container in cui vengono eseguiti i Microservizi; Bilanciatore di carico LBL di Oplon, che svolge anche il ruolo di Web server; VMware; File server (Gluster FS); FTP Server

Cloud Deployment Model

Private Cloud

Specificare altra rete pubblica

  • Rete SPC (Servizio Pubblico di Connettività)

Infrastruttura Cloud su cui è basato il servizio

Infrastruttura propria già qualificata come CSP

Eventuali servizi correlati NON qualificati nel Marketplace

- DPI (Dicom Preservation Interface): Servizi di integrazione di PACS (Picture archiving and communication system) per il versamento in coservazione di studi diagnostici con protocollo DICOM - circa 80 Sistemi documentali di altri fornitori

Sono richiesti prerequisiti?

I prerequisiti riguardano altri servizi Cloud?

No

Eventuali altri prerequisiti

  • (consigliato) Browser internet
  • (consigliato) Integrazione applicativa con il Sistema documentale dell'Ente

Esistono dipendenze?

No

Eventuali standard e certificazioni

ISO9001:2015 Quality management systems — Requirements ISO27001:2013 Information technology — Security techniques — Information security management systems — Requirements ISO27017:2015 Information technology — Security techniques — Code of practice for information security controls based on ISO/IEC 27002 for cloud services ISO27018:2019 Information technology — Security techniques — Code of practice for protection of personally identifiable information (PII) in public clouds acting as PII processors ISO 14721:2012 – Open Archival Information System (OAIS) – Reference model (CCSDS 650.0-M-2, Recommend Practice, Magenta Book June 2012) ICA - ISAD (G): General International Standard Archival Description - Second Edition ISO 16363:2012 - Space data and information transfer systems - Audit and certification of trustworthy digital repositories (CCSDS 652.0-M-1 Recommend Practice, Magenta Book September 2011) ISO 15836:2009 - Information and documentation – The Dublin Core metadata element set. Sistema di metadati del Dublin Core (questa versione sostituisce la precedente: ISO 15836:2003) ISO 23081-1:2006 - Information and documentation – Records management processes – Metadata for records – Part 1- Principles. Quadro di riferimento per lo sviluppo di un Sistema di metadati per la gestione documentale ISO/TS 23081-2:2007: - Information and documentation – Records management processes – Metadata for records – Part 2- Conceptual and implementations issues. Guida pratica per l’implementazione ISO 23081-2:2009: - Information and documentation – Managing Metadata for records – Part 2- Conceptual and implementations issues. Guida pratica per l’implementazione UNI 11386:2010: - Supporto all’Interoperabilità nella Conservazione e nel Recupero degli Oggetti digitali (UNI SInCRO) UNI ISO 15489-1:2006: Informazione e documentazione – Gestione dei documenti di archivio – Principi generali sul record management UNI ISO 15489-2:2007: Informazione e documentazione – Gestione dei documenti di archivio – Linee guida sul record management ISO 22301:2012: - Societal security -- Business continuity management systems - Requirements ETSI TS 101 533-1 v1.3.1 (2012-04) - Electronic Signatures and Infrastructures (ESI); Data Preservation Systems Security; Part 1: Requirements for Implementation and Management ETSI TR 101 533-2 v1.3.1 (2012-04) - Technical Report, Electronic Signatures and Infrastructures (ESI); Information Preservation Systems Security; Part 2: Guidelines for Assessors

Canali disponibili per il supporto tecnico

  • E-mail: Disponibile
  • Ore supporto: Dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 17.00.
  • Telefono: Disponibile
  • Ore supporto: Dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 17.00.
  • Sistema di on-line ticketing: Non Disponibile
  • Web chat: Non Disponibile
  • Assistenza on-site: Non Disponibile
  • Assistenza remota: Non Disponibile
  • Eventuale altro canale (specificare): Non disponibile

Tempi di attivazione e disattivazione del servizio

  • Tempo di attivazione: 10 giorni
  • Tempo di disattivazione: 90 giorni

Modalità e processo di attivazione

Le attività necessarie ad avviare l’erogazione del Servizio di Conservazione sono effettuate a valle della firma dell’Accordo da parte dell’Ente interessato. Il referente del sistema versante raccoglie le informazioni dell'Ente in modo da configurare il sistema. Al termine delle configurazioni necessarie concorda con l'Ente una data in cui pianificare il test/avvio in produzione. In base ai risultati dei test possono variare i tempi di attivazione del servizio. Al termine delle verifiche, ParER dà comunicazione all'Ente sia in caso di esito positivo che in caso di esito negativo. Nel caso di esito positivo, ParER propone all'Ente una data entro 10 giorni lavorativi in cui attivare il servizio di versamento in ambiente di produzione per poi proseguire (entro la data concordata) con la predisposizione degli utenti, se non già presenti, e dell’ente/struttura. ParER trasmette all'Ente i parametri necessari per il passaggio in ambiente di produzione e propone la formazione del personale dell'Ente attraverso la condivisione di corsi specifici in e-learning.

Modalità e processo di disattivazione

Il processo di disattivazione del servizio si base sulle seguenti fasi: - cessazione dell'accordo. La cessazione dell’accordo è formalizzata da una comunicazione dell'Ente nella quale viene indicato se la restituzione deve avvenire direttamente al Produttore o al nuovo Conservatore e, in quest’ultimo caso, se il nuovo Conservatore utilizzerà lo stesso sistema di conservazione di Parer -verifica e chiusura dei processi in corso. ParER verifica eventuale presenza di processi attivi su Sistema - predisposizione AIP e redazione elenco di consistenza con comunicazione all'Ente della messa a disposizione. ParER predispone e invia all'Ente la comunicazione della messa a disposizione degli oggetti conservati. La comunicazione viene inviata anche alla Soprintendenza archivistica di competenza. - verifica della restituzione. L'Ente verifica che gli oggetti restituiti, messi a disposizione nell’area FTP, corrispondano a quelli indicati nell’elenco di trasferimento che a loro volta corrispondano a tutti gli oggetti versati e conservati. - cancellazione dei documenti. ParER, una volta ricevuta la comunicazione dall'Ente della conclusione della fase di "verifica della restituzione", comunica all’Ente produttore e alla Soprintendenza archivistica di riferimento l’intenzione di procedere alla cancellazione dei documenti entro 90 giorni. Entro quel lasso di tempo Produttore e Soprintendenza possono chiedere informazioni o chiarimenti in merito. Trascorso tale termine, ParER procede alla cancellazione dei documenti. Una volta completata la cancellazione, ne viene data comunicazione all'Ente e alla Soprintendenza.

Estrazione dei dati a seguito di disattivazione

Gli AIP che costituiscono l'archivio vengono estratti in formato UNISINCRO e depositati su un'area di comunicazione visibile solo all'Ente produttore da cui l'Ente stesso può prelevarli per riversarli presso un altro conservatore. In alternativa Parer, a seguito di specifici accordi con l'Ente produttore, può depositarli su un'area indicata dall'Ente presso un altro conservatore.

Dati esportabili

  • Formato dei dati esportabili: I documenti che si restituiscono agli Enti sono nel formato UniSincro ed includono i documenti originariamente versati dagli Enti nel formato originale.
  • Dati derivati (configurazioni, template, log, ecc.): Pacchetti di archiviazione (AIP) e di distribuzione (DIP) e relativi metadati di conservazione

Formati in cui è possibile estrarre i dati

XML

Estrazione e formati di altri asset (in seguito a disattivazione)

Non sono presenti altri asset

Indicare quali delle seguenti modalità di fruizione del servizio sono supportate

  • Web Browser

Specificare i browser supportati

  • Explorer (v. 10)
  • Firefox (v. 50)
  • Chrome (v. 56)

Documentazione tecnica

Dal sito di Parer è possibile scaricare la principale documentazione tecnica per gestire il processo di conservazione: - Manuale di conservazione: Descrive il modello organizzativo della conservazione, l’organizzazione della struttura, i soggetti coinvolti e i relativi ruoli svolti. Descrive inoltre il processo, le architetture e le infrastrutture utilizzate, le misure di sicurezza adottate e ogni altra informazione utile alla gestione e alla verifica del funzionamento, nel tempo, del sistema di conservazione - Linee guida per la realizzazione dei SIP: forniscono informazioni sui metadati e la struttura dei pacchetti di versamento (SIP) relativi alle principali tipologie documentarie gestite dal sistema di conservazione - Specifiche tecniche dei servizi di versamento di unità documentarie: Descrivono le specifiche tecniche dei web service utilizzati per il versamento sincrono o asincrono dei SIP nel sistema di conservazione. - Specifiche tecniche dei servizi di recupero: Descrivono le specifiche tecniche dei web service utilizzati per il recupero dei DIP (pacchetti di distribuzione) dal sistema di conservazione - Specifiche tecniche dei servizi di annullamento: Descrivono le specifiche tecniche dei web service utilizzati per l’invio delle richieste di annullamento di versamenti di unità documentarie - Specifiche tecniche dei servizi di aggiornamento dei metadati di unità documentarie già presenti nel sistema di conservazione - Specifiche tecniche dei servizi di versamento dei fascicoli archivistici - codifiche errori: Descrivono gli errori restituiti dal sistema di conservazione a fronte delle operazioni di versamento, recupero e annullamento effettuate utilizzando i web service - VERSO: manuale utente: Manuale utente e Guida rapida (inclusa quella per registri giornalieri di protocollo) di VERSO, il client web per i versamenti on line di ParER - Modelli dei pacchetti di archiviazione (AIP): Descrive i modelli di Pacchetti di archiviazione (AIP) generati e gestiti da Sacer, il sistema di conservazione di ParER

Formati in cui è disponibile la documentazione tecnica (Selezionare una o più voci dall'elenco)

  • Disponibile e navigabile su Web (http://parer.ibc.regione.emilia-romagna.it/documentazione)
  • Disponibile in formato/i consultabile/i offline (PDF)

Elenco delle lingue in cui è disponibile la documentazione

  • Italiano

API di tipo REST/SOAP disponibili per il servizio

  • E' disponibile l'endpoint SOAP (https://parer.regione.emilia-romagna.it/sacerping/InvioOggettoAsincrono)
  • E' disponibile l'endpoint REST (https://parer.regione.emilia-romagna.it/sacer/VersamentoSync)
  • Sono presenti meccanismi di autenticazione per le API (L’autenticazione è applicativa di tipo username e password trasmesse nella chiamata REST)
  • Viene fornita la documentazione delle API in formato Web (La documentazione viene fornita, è PDF disponibile sul sito di ParER.)
  • E' presente un ambiente di test delle API (https://parer-pre.regione.emilia-romagna.it/sacer/VersamentoSync)

Funzionalità invocabili tramite API e funzionalità che non sono accessibili via API

Disponibili tramite API: - versamento da parte dei Produttori di documenti informatici e aggregazioni documentali informatiche (SIP); - restituzione dei documenti (DIP). Non disponibili tramite API: - monitoraggio dei versamenti; - generazione e manutenzione degli AIP; - scarto archivistico; - restituzione dell'archivio; - registrazione e interrogazione dei log degli eventi significativi; - profilazione e autenticazione di utenti; - configurazione del sistema.

Specificare le piattaforme abilitanti supportate dal servizio

  • Altro (specificare) (NA)

Elenco di procedure per garantire la reversibilità del servizio SaaS.

  • Procedura di restituzione dell'archivio

Scalabilità del servizio

  • E' prevista la scalabilità del servizio:
  • La scalabilità del servizio è di tipo automatico: No

Modalità e condizioni previste per la scalabilità del servizio

Il servizio non prevede limitazioni nell'ambito dell'Accordo, salvo la necessità di rivedere per le amministrazioni fuori regione l'importo dei rimborsi dei costi per l'esercizio successivo.

Strumenti di monitoraggio delle risorse a consumo associate al servizio, dei costi e della qualità del servizio

Il Sistema mette a disposizione specifiche funzionalità di monitoraggio relative alla gestione dei versamenti dei SIP e alla generazione e gestione degli AIP, oltre a statistiche e report su quanto presente nel Sistema. Il monitoraggio consente di avere una vista complessiva, sull’acquisizione dei SIP, sui tentativi falliti di versamento e sulle eventuali anomalie, mettendo a disposizione degli operatori tutte le informazioni necessarie a verificare tanto le anomalie che hanno impedito il versamento dei SIP nel Sistema, quanto tutti gli elementi relativi ai SIP versati e agli AIP generati o aggiornati a seguito di tali versamenti. Oltre alle funzionalità di monitoraggio applicativo sono attive procedure di monitoraggio tecnico, che consentono di verificare periodicamente lo stato e l'utilizzo dell'infrastruttura. Il sistema di monitoraggio mette a disposizione degli Enti i valori consuntivi dei parametri su cui sono calcolati i rimborsi dei costi.

Metriche e statistiche disponibili

Il Parer offre ai propri Enti la possibilità di monitorare il livello del proprio servizio attraverso un cruscotto di monitoraggio che evidenzia: - il numero di documenti versati; - il numero di versamenti falliti e le cause che hanno generato l'errore; - lo stato dei documenti archiviati; - il numero degli annullamenti effettuati; - lo storage occupato dall'archivio dell'Ente; - il dettaglio delle tipologie documentarie conservate; - i parametri di configurazione dell'archivio dell'Ente.

Report disponibili

Le informazioni relative ai monitoraggi del punto precedente sono reperibili all'interno del cruscotto di SACER. È autonomamente consultabile il disciplinare tecnico, che costituisce il report riassuntivo della configurazione dell'archivio dell'Ente. Periodicamente viene inviato a ciascun Ente, via e-mail, un report riassuntivo dello stato dei documenti versati e dei versamenti falliti.

Livelli di servizio garantiti da dichiarare obbligatoriamente

  • Availability (in percentuale): >= 98%
  • Maximum First Support Response Time (in minuti): 240 minuti (nell'orario di supporto)

Eventuali altri livelli di servizio che il Fornitore intende dichiarare

Nome indicatore Valore obiettivo Unità di misura
Indicatore 1 RTO 1 giorni
Indicatore 2 RPO (dati in conservazione) 0 giorni
Indicatore 3 RPO (dati trasmessi) 1 giorni
Indicatore 4 Data retention (a valle della restituzione) 90 giorni
Indicatore 5 Log retention period dei log di sistema 1 anno
Indicatore 6 Log retention period dei log applicativi 10 anni

Monitoraggio dello stato del servizio e notifiche

  • E' disponibile il monitoraggio in tempo reale dello stato del servizio?:
  • Sono disponibili delle notifiche via SMS/email per gli eventi di indisponibilità del servizio?: No

Controllo dell'Acquirente sulla gestione dei dati

  • L'Acquirente ha la possibilità di scegliere la localizzazione dei siti in cui verranno memorizzati e processati i dati?: No
  • L'Acquirente ha a disposizione procedure per la cancellazione permanente dei dati?:

Meccanismi di autenticazione degli utenti supportati

autenticazione semplice: Nome utente e password

Possibilità di configurazione/customizzazione dei meccanismi di autenticazione

No

Disponibilità di autenticazione a 2 fattori

No

Politiche di accesso alle informazioni in audit

  • In tempo reale:
  • Differenziata tra utilizzatori e fornitore:
  • Tempo minimo di conservazione delle informazioni di audit: 1 anno
  • Tempo massimo di conservazione delle informazioni di audit: 1 anno
  • Tempo minimo di conservazione dei log di servizio: 1 anno
  • Tempo massimo di conservazione dei log di servizio: 10 anni

Elementi che concorrono alla determinazione del prezzo (parametri)

Nome parametro Unità di misura Quantità minima
Parametro 1 Popolazione Numero abitanti 0
Parametro 2 Storage di Fascia Byte 0
Parametro 3 Costo al Byte (dischi) medio Euro 0

Prezzo base del servizio

  • Prezzo base in euro (in euro): 429,89
  • Eventuale costo di attivazione (in euro): 210

Altre condizioni

'Il costo è personalizzato e corrisponde al puro rimborso dei costi sostenuti da ParER, ottenuto dai costi a consuntivo annuali del sistema di conservazione. Il costo viene ripartito sulla base dei parametri dell'Ente, pprecedentemente illustrati. Non è previsto nessun costo per gli enti appartenenti alla regione Emilia-Romagna. Per una valutazione commerciale sui requisiti specifici dell'ente, inviare richiesta tramite form on-line sul sito web istituzionale di ParER.

Esecuzione dei test OWASP

  • Le componenti che costituiscono il servizio SaaS sono state sottoposte ai test OWASP prima della loro immissione in produzione e successivamente su base periodica?:
  • Relativamente all'ultima esecuzione dei testi di cui alla "OWASP Testing Guide v.4" le componenti del servizio SaaS sono risultate esenti da vulnerabilità:

Tempistiche per la presa in carico e gestione delle segnalazioni

Il tempo massimo che intercorre tra la segnalazione da parte dell'ente e la comunicazione dell'avvenuta presa in carico da parte di ParER è di 4 ore lavorative.

Localizzazione dei data center

Localizzazione (anche parziale) all'interno del territorio italiano