/docs beta

Articolo 5 - Fasi del processo di qualificazione.

Fase 1 - Richiesta di qualificazione

Il soggetto interessato alla qualificazione della soluzione SaaS provvede ad inserire sulla piattaforma AgID dedicata apposita richiesta, fornendo le informazioni e la documentazione relativa sia ai criteri di ammissibilità sia al possesso dei requisiti di cui all’allegato "A" alla presente Circolare.

All’atto della presentazione della richiesta di qualificazione SaaS, il soggetto richiedente dovrà dichiarare che, conseguita la qualificazione, si impegna a rispettare, in maniera integrale e incondizionata, senza eccezione, deroga o riserva alcuna, per tutta la durata dei contratti di fornitura stipulati con le Amministrazioni clienti, quanto previsto all’appendice 1 dell’Allegato "A" alla presente Circolare.

Il soggetto richiedente dovrà altresì dichiarare che si impegna ad accettare nei contratti con le Amministrazioni clienti la clausola di risoluzione anticipata in caso di revoca della qualificazione della soluzione SaaS da parte di AgID ed a sottoporsi a qualsiasi verifica che l’Agenzia potrà disporre a garanzia del rispetto degli impegni assunti e del mantenimento dei requisiti e dei criteri di ammissibilità richiesti.

Fase 2 - Istruttoria documentale

La fase istruttoria inizia con la verifica preliminare delle informazioni e della documentazione fornita dai soggetti richiedenti, relative al possesso dei requisiti di cui all’articolo 3 della presente Circolare.

L’eventuale esito negativo di tale verifica preliminare viene notificato telematicamente da AgID al soggetto interessato, secondo le modalità operative di trasmissione definite in apposita comunicazione, entro 30 giorni dalla ricezione della richiesta di qualificazione SaaS. Il silenzio dell’Agenzia nel termine indicato equivale all’ammissione della richiesta di qualificazione per come proposta.

Per le richieste ammesse, AgID effettua la verifica delle informazioni e della documentazione fornita dai soggetti richiedenti rispetto ai requisiti di cui all’art.4, per come dettagliati all’Allegato "A" della presente Circolare.

L’esito della verifica delle richieste ammesse potrà essere:

  1. Positivo: la richiesta di qualificazione rispetta i requisiti oggetto di verifica documentale. Nel solo caso di soluzioni SaaS erogate su SPC Cloud o su PSN, il fornitore che ne abbia fatta esplicita richiesta, concorda con AgID la data del test e del collaudo della soluzione. Il collaudo avviene previo invio all’Agenzia di un documento denominato "Piano di Test" almeno 20 giorni prima della data concordata. A garanzia del fornitore, il “Piano di Test” dovrà contenere le istruzioni per effettuare le fasi di provisioning e deployment della soluzione SaaS e consentirne la verifica del corretto funzionamento, secondo i requisiti indicati nell’allegato “A” alla presente Circolare;
  2. Negativo con riserva: la richiesta di qualificazione deve essere oggetto di ulteriori verifiche. AgID trasmette l’esito negativo con riserva e contestuale richiesta di documentazione ed informazioni ad integrazione e completamento di quanto inserito nella piattaforma AgID dedicata. Il soggetto richiedente fornisce i documenti e le informazioni integrative all’Agenzia entro 20 giorni dalla ricezione della richiesta. Qualora il soggetto richiedente invii nei termini i documenti e le informazioni integrative, l’Agenzia, previa verifica, comunicherà l’esito dell’istruttoria (Positivo o Negativo). Qualora il soggetto richiedente non invii nei termini i documenti e le informazioni integrative, la richiesta di qualificazione SaaS si intenderà respinta;
  3. Negativo: la richiesta di qualificazione è respinta. Il soggetto non può presentare una nuova richiesta per la medesima soluzione SaaS se non siano venute meno le cause che hanno determinato il mancato accoglimento e/o superamento del collaudo e comunque non prima di 90 giorni dalla comunicazione dell’esito negativo.

Il provvedimento avente per oggetto l’esito della verifica viene notificato telematicamente da AgID al soggetto interessato in apposita comunicazione, entro 60 giorni dalla ricezione della richiesta. Nel caso di esito negativo con riserva, il termine di 60 giorni si intende interrotto.

Fase 3 – Test e collaudo (Opzionale)

Nel caso di richieste di qualificazione SaaS erogate su SPC Cloud o su PSN, qualora il fornitore ne abbia fatta esplicita richiesta, in seguito alla notifica positiva della Fase 2 "Istruttoria documentale", avrà luogo la fase di test e collaudo su ambiente SPC Cloud Lotto 1 o equivalente. L’ambiente SPC Cloud Lotto 1 o altro ambiente tecnologicamente omogeneo sarà messo a disposizione e comunicato da AgID al fornitore SaaS.

Durante questa fase il fornitore SaaS ed AgID eseguono congiuntamente i test contenuti nel documento "Piano dei Test".

AgID si riserva di effettuare ulteriori test non previsti all’interno di tale documento volti a verificare il possesso dei requisiti (cfr. Allegato A) da parte della soluzione SaaS oggetto di qualificazione.

Fase 4 –Istruttoria post-collaudo (Opzionale)

Al termine della fase 3, AgID procede alla verifica del mantenimento dei criteri di ammissibilità e comunica al soggetto l’esito della procedura di qualificazione che potrà essere:

  1. Positivo: la richiesta di qualificazione si considera accolta;
  2. Negativo con riserva: è necessario ripetere il test e collaudo di cui alla Fase 3 concordando con AgID i nuovi termini e modalità;
  3. Negativo: la richiesta di qualificazione è respinta. Il soggetto non può presentare una nuova richiesta per la medesima soluzione SaaS se non siano cessate le cause che hanno determinato il mancato accoglimento e comunque non prima di 90 giorni.

L’esito viene notificato da AgID al soggetto interessato, secondo le modalità operative di trasmissione definite in apposita comunicazione, entro 60 giorni dalla conclusione della Fase 3 "Test e Collaudo". A seguito dell’avvenuta qualificazione, l’Agenzia comunica a Consip la soluzione SaaS qualificata.

Fase 5 – Mantenimento della qualificazione

L’Agenzia verifica la persistenza del possesso dei criteri di ammissibilità e dei requisiti previsti per la qualificazione e di quanto dichiarato nel corso della procedura di qualificazione.

La verifica è avviata sulla base di segnalazioni formali indirizzate all’Agenzia da parte dell’Amministrazione cliente/utente della soluzione SaaS qualificata e svolta con l’esecuzione di attività ispettive e/o richieste di nuovi test da parte di AgID o di soggetti terzi dalla stessa incaricati.

Pertanto, al fine del mantenimento della qualifica, il soggetto richiedente si impegna a comunicare tempestivamente all’Agenzia ogni evento che modifichi il rispetto dei requisiti di cui all’allegato "A" alla presente Circolare.

L’Agenzia si riserva, inoltre, la facoltà di richiedere al soggetto ogni ulteriore documento correlato all’espletamento del processo di qualificazione, che consideri necessario per poter svolgere le previste attività di verifica. Le difformità riscontrate nel corso dell’attività di verifica sono comunicate al soggetto interessato con indicazione delle modalità e del termine per la loro risoluzione. Qualora durante le attività di verifica dovessero emergere elementi relativi a possibili violazioni della normativa sulla privacy, l’Agenzia ne informa tempestivamente il Garante per la protezione dei dati personali.

Downloads
pdf
htmlzip
epub
torna all'inizio dei contenuti